Home » Rossopomodoro, Chelsea: una sorpresa inaspettata per una catena

Rossopomodoro, Chelsea: una sorpresa inaspettata per una catena

di Giuseppe A. D'Angelo

Non hai tempo per leggere il post? Vai direttamente al giudizio finale con il PARTENOMETRO

Rossopomodoro Chelsea pizzeria

La visita a questa pizzeria risale al 6/07/2016

Prima o poi dovevo muovere i primi passi nel mondo delle pizzerie di catena. Con Pizza Pilgrims avevo già avuto il mio timido approccio, ma lì parliamo di una catena emergente ristretta ancora a un piccolo ambito, e per di più nata dalla mente di due inglesi. No, non c’è paragone con quello che è il brand per eccellenza della pizza napoletana nel mondo. E che anche a Londra conta non poche filiali. Un gigante così non va ignorato. Ecco perché ho deciso di varcare quella soglia, oltrepassare il confine, e mangiare una pizza che non è uscita da un forno indipendente, ma riporta sopra un marchio internazionale: sissignori, sto parlando di Rossopomodoro. E per la precisione, della sua sede di Chelsea.

La pizza
La pizzeria
Quanto costa
Come arrivare
Come l’ho scoperta
PARTENOMETRO

La pizza

Devo dire la verità: sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’esperienza. Più che sorpreso, sollevato: infatti sono andato con buone aspettative, nella speranza di non essere deluso. Perché in genere il mio atteggiamento nei confronti delle catene non è dei più ottimisti. Ma in questi casi più che ostentare ragione con un “ecco, come volevasi dimostrare”, molto meglio essere sbugiardati con un “cavolo, non me lo aspettavo”. Per fortuna ha prevalso la seconda.

Non in tutto e per tutto, però. Prima del piatto forte mi sono voluto concedere un fritto napoletano. Composto da: supplì di riso, frittatina, arancino e crocché (o panzarotto, per dirla alla napoletana). Speravo, con tale assemblamento, di sentirmi un po’ come a casa. Speranza disillusa. Le fritturine mi hanno lasciato praticamente indifferente, e forse solo il panzarotto si salvava rispetto al resto. Insomma, una brutta partenza.

Rossopomodoro Chelsea pizza Bufalina Verace

Ma arriva la pizza. Come sempre, una Bufalina, che sul menù di Rossopomodoro viene chiamata Verace. Lì per lì, stavo per abbandonarmi a quel “ecco, C.V.D.”. Dopotutto, dalla foto sopra, non verrebbe anche a voi qualche perplessità, con quell’enorme bolla d’aria bruciata sul lato? Anche il cornicione, a toccarlo, suonava un po’ “crispy”. Scusate l’inglesismo, ma mi è difficile rendere in italiano il rumore di qualcosa che all’aspetto è gonfio e morbido, ma che a toccarlo fa il rumore di una pasta croccante.

Ma è inutile perdere tempo in elucubrazioni e foto, che la pizza si fredda. Taglio. Prendo la fetta. Metto in bocca. Silenzio. Quello del palato che dice al cervello di spegnere l’area del pensiero e mandare a tutto spiano quella del sapore. E la deflagrazione di gusto che erompe nella mia bocca mi dice che il comando è stato eseguito a dovere. I pregiudizi cadono, il resto è piacere.

Tutto merito della mozzarella di bufala, va detto subito: è lei la regina incontrastata della Verace di Rossopomodoro. E per accertarmene, mangio un pezzo di pizza senza. Mi do ragione a metà. La differenza si nota eccome, ma la pizza brilla anche di luce propria. Ottimo sugo di pomodoro, versato in maniera cospicua su un impasto che è davvero sottile e leggero. Il risultato è bello a vedersi e ad assaporarsi.

Rossopomodoro Chelsea forno

La nota dolente di tutto è, ahimé, proprio quel cornicione. Ma non ha niente a che vedere né con le bruciature, né con il suono crispy. Purtroppo era un po’ “gnommoso” come si dice dalle mie parti. Solo un po’, ho trovato di molto peggio, e quel peggio generalmente lo lascio nel piatto. Questo invece l’ho mangiato e digerito senza problemi. Niente da dire sull’impasto: la promessa della maturazione a 24 ore tanto ostentata sul contatore digitale in cucina è mantenuta, e l’intera pizza non si è fatta sentire per niente sul mio stomaco. Ma per un’esperienza davvero completa avrei preferito un po’ più aria e meno mollica sul bordo. Forse si potrebbe tirare un po’ più la pasta la prossima volta?

Che dire, però, sono uscito contento. Rossopomodoro, la prima sfida contro i miei pregiudizi l’hai vinta tu.

La pizzeria

Rossopomodoro Chelsea locale

Sono andato a mangiare la pizza in un orario un po’ morto, quasi imbarazzante per me che ero l’unico al tavolo. Fortunatamente al piano di sopra c’era una festa per bambini, il che non mi ha fatto sentire come fossi quello che è venuto a rompere le scatole al pizzaiolo. Meglio anche per la mia pizza, visto che prima che mi siedessi io il forno era già a regime per fornire da mangiare ai pargoli. Tra l’altro, mentre me ne stavo andando, erano cominciati i preparativi per una masterclass di pizza, una delle attività del locale.

Il locale di Rossopomodoro Chelsea è elegante e moderno, quasi a voler riflettere l’area in cui si trova. Persino il forno per la pizza rispecchia questo stile chic: invece di apparire nella sua classica forma a cupola, è nascosto all’interno di un muro cilindrico tutto decorato in mattonelle sgargianti. Anche il lato napoletano risalta poco: giusto un paio di foto di Napoli sui muri, tra cui cui l’immancabile tavoletta votiva a Maradona.

Fortunatamente ci ha pensato lo staff a farmi sentire a casa. Tra cucina e sala non ho sentito parlare altro che napoletano, la qual cosa si è particolarmente accentuata quando sono entrati alcuni amici del personale. Per quanto riguarda il servizio, niente di particolare da segnalare: educato, corretto e gentile, anche se forse poco personalizzato. Sarà questo l’effetto catena?

Quanto costa

Rossopomodoro Chelsea fritto napoletano

Rossopomodoro purtroppo non viene a buon mercato: basti pensare alla differenza che passa tra una Margherita semplice – £7.95 – e una Bufalina – £11.95, ben £4 di scarto. In altri casi mi sarei lamentato di questi prezzi, ma in questo devo dire che ne valeva davvero la pena: la mozzarella era davvero una signora bufala. Il fritto napoletano l’ho pagato £5.45, e anche se come piatto in sé non mi ha soddisfatto, va notato che si tratta di un prezzo medio per un antipasto. Da segnalare inoltre che il menù prevede varie proposte gluten free, e potete trovare pizze senza glutine come in Italia.

Come arrivare


Rossopomodoro Chelsea, 214 Fulham Rd, London SW10 9NB

Rossopomodoro Chelsea si trova al 214 Fulham Road, proprio sulla strada principale. Facile arrivarci, nonostante una fermata della metro non sia nelle immediate vicinanze: Fulham Broadway è a 15 minuti di cammino, South Kensington a circa 20, ma ci sono numerosi bus che passano da quelle parti. Il quartiere di Chelsea è conosciuto principalmente per essere la sede della squadra di calcio omonima e del suo stadio, lo Stamford Bridge. E, a due passi dello stadio, c’è l’ingresso del magnifico Brompton Cemetery, uno dei sette cimiteri monumentali di Londra, e l’unico a trovarsi in zona 1.

Come l’ho scoperta

Rossopomodoro Chelsea masterclass pizza

Se parliamo di Rossopomodoro in generale, a meno che non si viva in una caverna non si può non conoscere questa catena tutta napoletana. Ma parlando di quello di Chelsea, solo recentemente ho scoperto che si trovava anche da questa parti, passeggiando proprio per Fulham Road. Nonostante non sia la prima sede londinese (la prima dovrebbe essere quella di Camden), ho deciso di cominciare da queste parti per un semplice motivo: la zona di Fulham e Chelsea è ormai diventata una Little Italy a tutti gli effetti nell’ovest londinese. La massiccia presenza di italiani in quest’area è evidente soprattutto per i numerosi ristoranti e deli specializzati. E se parliamo di pizzerie napoletane, se ne contano ben quattro aperte solo nell’ultimo anno. Rossopomodoro Chelsea si inserisce quindi perfettamente in questo contesto.

PARTENOMETRO

VERY HOT: impasto leggerissimo, ingredienti di buon livello e usati con generosità, pizza molto digeribile. Unico difetto il cornicione, che pecca un po’ di “mollicosità”. Ma la pizza si addenta che è un piacere, si assapora con gusto e a fine pasto non si sente per niente sullo stomaco.

E voi l’avete provata? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere nei commenti.

NON VI BASTA? ECCO ALLORA L’ELENCO DI TUTTE LE PIZZERIE NAPOLETANE A LONDRA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

* Usando questo form acconsenti alla collezione e gestione dei tuoi dati da parte di questo sito.

Questo sito utilizza cookie. Non sono buoni come la pizza ma aiutano la navigazione. Spero che non abbiate problemi, ma nel caso potete anche non accettare. Accetta Più info

CONDIVISIONI